News

Bitcoin fermo sotto i 17.000$: analisi 22 dicembre 2022

Pubblicato: 22 Dicembre 2022 di Francesco

Prendendo come riferimento il suo grafico storico, è possibile constatare un Bitcoin fermo sotto i 17.000$ nel corso delle ultime ore. Un valore che abbiamo avuto la possibilità di guadare sulla quotazione del BTC numerose volte nel corso di questo singolare 2022.

La criptovaluta ha perduto terreno rispetto ai massimi storici che eravamo abituati ad analizzare solamente un anno fa. Tutto è perduto? Non necessariamente, perché secondo molti esperti a periodi di crolli potrebbero seguire periodi di ripresa dei mercati.

Sta di fatto che, dopo aver recuperato quote vicino ai 20.000 dollari (target considerato ormai ampiamente psicologico dagli appassionati), la prima criptovaluta per capitalizzazione si è diretta nuovamente sotto i 17.000 dollari.

Un evento molto diverso rispetto a tanti anni passati, quando il Bitcoin mostrava i suoi periodi di splendore proprio nel mese di dicembre. Vediamo quindi di approfondire da vicino le ultime variazioni dell’asset, focalizzandoci soprattutto sul medio e breve periodo.

Aggiornamenti sui valori che puoi verificare in autonomia sul grafico in tempo reale proposto dalla nota piattaforma eToro. Ti permette subito di analizzare il BTC e di comprare criptovalute con un deposito minimo molto basso, da soli 50€.

Clicca qui per visualizzare il Bitcoin su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Bitcoin fermo sotto i 17.000$: variazioni dei prezzi BTC a breve termine

Il prezzo del Bitcoin ha continuato nelle ultime ore a mostrare movimenti molto minimi, se non che proprio nulli in alcuni frangenti di mercato. Sinonimo che la criptovaluta sta vivendo un periodo di consolidamento, che porta gli esperti a domandarsi quali potrebbero essere le direzioni future.

Dopo aver raggiunto ed anche superato l’ambita soglia dei 18.000 dollari durante la scorsa settimana, la sfiducia del mercato ha portato nuovi crolli. La supremazia dei venditori sugli acquirenti ha fatto sì che i prezzi scendessero dapprima sotto i 17.500 e successivamente sotto i 17.000$.

Il crollo più significativo è arrivato proprio agli inizi della settimana, con la criptovaluta che toccato i 16.300 dollari. Un valore che, confrontato con il passato (almeno a breve termine), rappresenta un nuovo punto di minimo in un range a 21 giorni.

Gli utenti rialzisti hanno tuttavia ricordato la loro presenza, spingendo la quotazione del Bitcoin più in alto, senza tuttavia recuperare i 17.000 dollari. Al momento di questa stesura, un singolo Bitcoin può essere scambiato attorno ai 16.843 dollari.

Nonostante siano per definizione più volatili rispetto agli asset ad altissima capitalizzazione di mercato, anche altre altcoin hanno evidenziato un periodo di assestamento, o di lievi variazioni. Ethereum, è ad esempio riuscito a mantenere la singolare soglia dei 1.200 dollari.

Ripple, Cardano e Dogecoin, hanno invece mostrato una piccola ripresa, segnando il +1,5% su base totalitaria. Ad aver sbalordito il mercato, è stata tuttavia una criptovaluta a basso market cap, ancora poco conosciuta sul settore, ossia Helium.

Il token HNT, grazie ad un considerevole interesse sul mercato, ha mostrato una crescita netta pari al circa 27% nell’arco delle 24 ore. Ciò gli ha permesso di raggiungere i 2 dollari in poco tempo.

Note finali

Al di là del Bitcoin fermo sotto i 17.000$, è bene tenere a mente ulteriori metriche aggiornate, sempre sulla crypto con maggior dominance di mercato. Nello specifico, la capitalizzazione attuale del Bitcoin è pari a 324.074.571.623 dollari.

Il volume sugli scambi, nelle 24 ore, è invece pari a 14.979.999.234 dollari, con un livello di dominazione del mercato, riferito a tutte le altre criptovalute quotate, del 38,323%. Valori che puoi sempre constatare sulle migliori piattaforme di investimento crypto, come eToro.

Con eToro hai la possibilità di accedere a tutte le principali monete digitali mondiali, valutarle su comodi grafici in tempo reale e procedere con l’investimento. Una volta registrato puoi optare sul conto demo, oppure sulla modalità reale.

Il conto demo non ha nessun limite di tempo e ti permette di testare la piattaforma a tua discrezione. Il conto reale, richiede invece un deposito minimo molto esiguo, da appena 50 euro (molto più basso rispetto ad altri competitor).

Se non hai esperienza, o tempo libero, puoi invece utilizzare il Copy Trading. Con lo stesso puoi scegliere altri trader reali, seguirli sulla base di tanti parametri, ottenendo le loro stesse posizioni a mercato, in modo speculare ed in tempo reale.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento