News

Bitcoin ed Ethereum resistono dopo il caso Genesis

Pubblicato: 20 Gennaio 2023 di Francesco

Bitcoin ed Ethereum hanno resistito sul rispettivo grafico di riferimento dopo che anche Genesis, sbalordendo tutti ed anticipando i tempi, ha di recente presentato la sua istanza di protezione dal fallimento alle autorità ed agli enti locali preposti in materia.

Nonostante alcune variazioni sulle 24 ore, Bitcoin ha ampiamente tenuto la quota dei 20.000 dollari, mentre Ethereum, dopo esser scesa sotto i 1.550 dollari, ha nuovamente scavallato il livello, dirigendosi su obiettivi di prezzo più alti.

Stupisce quindi come le dichiarazioni di Genesis, che ricordiamo essere una delle più grandi società di prestito crittografico al mondo e con una gestione da milioni di dollari, non abbia più di tanto influenzato le prime due criptovalute per capitalizzazione di mercato.

Prima di approfondire la notizia, ricorda che puoi individuare entrambe all’interno di piattaforme professionali e regolamentate, come ad esempio eToro. Con lo stesso puoi subito accedere al mercato crypto e selezionare i tuoi token di interesse.

Puoi quindi valutarli su pratici grafici in tempo reale, decidendo di piazzare la strategia di acquisto in completa autonomia. Puoi sempre partire da un pratico conto demo, con 100.000 dollari virtuali, senza alcun vincolo e limite di tempo.

Clicca qui per registrarti su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Bitcoin ed Ethereum resistono: le variazioni dei prezzi nel breve termine

Tornando a Bitcoin ed Ethereum che resistono nel corso delle ultime ore dopo l’ufficializzazione di Genesis della sua delicata situazione, diversi analisti hanno esposto proprie considerazioni in merito. Nello specifico, uno dei responsabili di Matrixport, Markus Thielen, avrebbe affermato:

“Il mercato sembrava aspettarsi la dichiarazione di fallimento di Genesis nelle ultime 48 ore mentre lo sconto GBTC si è improvvisamente ampliato di nuovo. Con la dichiarazione di fallimento di Genesis, questo rimuove un eccesso negativo dal mercato e gli investitori di criptovalute possono finalmente concentrarsi sui fondamentali”.

Le ipotesi sull’istanza di protezione dal fallimento incombevano in realtà già diverse settimane. Nel dettaglio, diversi appassionati avevano iniziato ad intimorirsi in concomitanza del fallimento dell’exchange FTX, temendo in questo caso un brusco effetto a catena.

Nel mese di novembre, la piattaforma di prestito aveva effettivamente dato le sue prime avvisaglie, bloccando i prelievi dopo il crollo della società di Sam Bankman Fried. Ricordiamo infatti come la debacle di FTX abbia portato non poche problematiche a diverse società operanti nel settore crypto.

Adesso che Genesis pende in situazioni di difficoltà, sarà rilevante focalizzare l’attenzione sulle sue prossime mosse. Potrebbe ad esempio cercare di individuare sul mercato proposte di salvataggio da altri gruppi internazionali, i quali potrebbero anche decidere di comprare Genesis.

Eventi che dovranno altresì essere valutati assieme alle variazioni delle principali criptovalute e del mercato crittografico in se. Lo stesso ha tuttavia evidenziato recuperi significativi nell’ultima settimana, al di là degli eventi in corso (positivi o negativi che siano).

Prendendo come riferimento proprio il Bitcoin e l’Ethereum, i due asset hanno guadagnato rispettivamente (in un range settimanale), il 27% ed il 29% su base totalitaria. Valori che dovranno tuttavia esser tenuti sotto osservazione nelle prossime ore.

Considerazioni finali

Quali sono state le variazioni delle due criptovalute nelle ultime ore? Partendo dal Bitcoin, è possibile constatare come nella giornata di ieri il prezzo del BTC fosse ancora pari ad oltre 21.188 dollari in alcune sezioni.

Nella giornata odierna, 20 gennaio 2023, il valore ha invece subito una leggera flessione, mostrando livelli di minimo attorno ai 20.918 dollari. Al momento di questa stesura, puoi invece comprare un Bitcoin a circa 20.946 dollari.

Passando ad Ethereum, nella giornata di ieri la criptovaluta era riuscita a portarsi per pochi minuti sopra l’ambizioso livello dei 1.560 dollari. Ha successivamente subito una correzione ed è attualmente scambiata attorno ai 1.549 dollari.

Vista la volatilità e le continue variazioni evidenziate sul mercato, è fondamentale imparare in autonomia ad analizzare le proprie criptovalute di interesse. Per fare ciò hai a disposizione gli strumenti delle migliori piattaforme di investimento crypto, come ad esempio eToro.

Si tratta di un broker regolamentato, con milioni di utenti registrati, che ti permette di analizzare BTC ed ETH su comodi grafici, prima di aprire eventualmente le posizioni di acquisto. Puoi conservare altresì gli asset su un comodo wallet multivaluta integrato, con diversi sistemi di sicurezza.

Clicca qui per ottenere un conto su eToro

*L’investimento in criptovalute è altamente volatile e non regolamentato in alcuni paesi dell’UE. Nessuna tutela del consumatore. Potrebbero essere applicate imposte sugli utili.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento