News

Bitcoin e criptovalute? Per gli USA sono materie prime

Che cos’è il Bitcoin? Per chi guadagna con il Bitcoin è una domanda piuttosto oziosa (forse) ma per i legislatori e i tribunali chiamati a risolvere le prime cause che hanno come oggetto il Bitcoin la definizione potrebbe essere importante.

Una recente sentenza negli Stati Uniti equipara di fatto il Bitcoin e le altre criptovalute alle commodity (materie prime), rendendo così applicabile tutta la legislazione finanziaria che si applica di solito a questo tipo di strumenti.

Ma che cosa è successo? Il magistrato della corte distrettuale di Brooklyn, Jack Weinstein, ha riconosciuto con una sentenza il diritto della US Commodity Futures Trading Commission (CFTC), l’organo federale USA che si occupa della regolamentazione del mercato delle commodity, il diritto di perseguire Patrick McDonnell che aveva fondato una compagnia Coin Drop Markets nel settore delle criptovalute e aveva (probabilmente) truffato i suoi clienti.

La sentenza assume una particolare rilevanza tenuto conto che negli USA le sentenze fanno giurisprudenza. In effetti l’identificazione di Bitcoin come materie prime era già stata proposta dalla CFTC nel 2015. Anche altri paesi hanno iniziato a considere le criptovalute come materie prime e, quindi, per dire, hanno addirittura imposto il pagamento dell’IVA nel caso della vendita di token in fase di ICO.

Di fatto la regolamentazione giuridica di Bitcoin e criptovalute e ancora in alto mare e, probabilmente, saranno necessari interventi legislativi specifici per far finire questo limbo legale.

La stessa Coin Drop Markets, oggetto del caso, è accusata di aver organizzato truffe con il Bitcoin anche sfruttando il vuoto legale.

Operare con il Bitcoin in modo sicuro

Fino a quando la regolamentazione non sarà chiara, è sempre meglio operare con il Bitcoin utilizzando esclusivamente piattaforme che siano autorizzate e regolamentate per altro tipo di transazioni finanziarie. E’ vero che il trading di Bitcoin ancora non è regolamentato, ma se una piattaforma offre anche trading di azioni o di valute flat, allora sicuramente deve rispettare dellle regole estremamente rigorose per proteggere i suoi clienti.

Tra questo tipo di piattaforme segnaliamo Plus500 ed eToro che possono garantire i massimi standard di sicurezza a tutti coloro che vogliono investire in criptovalute senza il rischio di essere truffati.

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento