News

Bitcoin Cash: in arrivo hard fork a Novembre

Gli sviluppatori del Bitcoin Cash hanno in mente una nuova mossa che potrebbe sconvolgere il mercato delle criptovalute ancora una volta.

A seguito di un impegno preso in agosto per cambiare il codice frequentemente in modo da rimanere competitivi, gli sviluppatori che stanno dietro le quinte al software alternativo al bitcoin hanno fatto un passo importante verso il loro programma durante questa settimana. Attraverso un post pubblicato ieri, gli sviluppatori del Bitcoin Cash hanno ufficialmente rivelato che cambieranno il software attraverso un hard fork durante il primo novembre.

Per venire attivato durante il 13 novembre, il nuovo software cercherà di sistemare le regole fissate nello split iniziale con la blockchain di bitcoin.

In particolare, la modifica tenterà di invertire una parte del codice, chiamato la regola “emergency difficulty adjustment (EDA)”, che serve a garantire la sicurezza e l’integrità della blockchain del Bitcoin Cash.

Sia il Bitcoin che il Bitcoin Cash, utilizzano il medesimo algoritmo di mining; i minatori che utilizzano hardware compatibili hanno mostrato la volontà di passare da un network all’altro. In quanto tale, l’idea dietro l’EDA è che la difficoltà di mining possa essere adeguata in modo dinamico, se necessario, per attirare i miners.

Tuttavia, mentre poteva sembrare un vantaggio nei giorni successivi al lancio, adesso gli sviluppatori credono che questa tecnologia non abbia più utilità all’interno del network.

La tecnologia infatti adesso impedisce conferme rapide per gli utenti, spostando radicalmente il programma di emissione delle monete.

Al posto di questa tecnologia, il nuovo algoritmo si modificherebbe ogni 600 secondi, in base all’ammontare della potenza computazionale del network durante i 144 blocchi precedenti. L’idea di base è quella di adeguare la difficoltà rapidamente in tempo reale con l’attività mineraria.

I membri del team di sviluppo sono adesso in contatto con gli exchange, broker, wallet e miners nel tentativo di sensibilizzare la proposta. Potremmo quindi vedere un fork del Bitcoin Cash già da Novembre.

Il Bitcoin Cash continua però ad essere scambiato ad alti livello all’interno dei mercati finanziari:

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento