News

Bitcoin [BTC]: il dimezzamento del 2020 porterà ad un aumento dei prezzi già nel 2019

Come molti sicuramente già sapranno, il Bitcoin nel mese di Marzo ha visto un grande rialzo dei prezzi, portando la criptovaluta a toccare i massimi del 2019.

Secondo gli appassionati del Bitcoin, un evento che accade ogni 4 anni potrebbe portare la criptovaluta a crescere con vigore. Il processo si chiama in gergo tecnico “Bitcoin Halving” (in Italiano: Dimezzamento dei Bitcoin).

Ma questo evento riuscirà veramente a spingere i prezzi verso l’alto? Del resto, è ormai più di un anno che il Bitcoin sta avendo svariate difficoltà in termini di prezzo. Vediamo quindi insieme quello che potrebbe succedere alla criptovaluta con la più grande capitalizzazione di mercato.

Bitcoin Halving: che cos’è e come funziona

Per iniziare a parlare del dimezzamento di Bitcoin, è necessario capire come viene creata questa criptovaluta. Come probabilmente sapete, a differenza delle valute legali, il Bitcoin non è regolato da un’autorità centrale.
Invece, milioni di computer (chiamati anche “Miners“) in tutto il mondo lavorano per registrare le transazioni e verificarne la loro autenticità.

In poche parole, il compito dei “Miners” del Bitcoin è quello di aggiungere nuovi blocchi di informazioni a un database comunemente noto come “libro mastro pubblico”. La rete poi li ricompensa direttamente con Bitcoin, premiando i loro sforzi e le varie spese da sostenere per mantenere i dispositivi accesi per il mining.

Le banche centrali invece, controllano l’offerta di moneta per contenere l’inflazione all’interno di un range. Non esiste limite a quanti soldi è possibile stampare. Il Bitcoin funziona però in maniera differente. L’offerta massima di Bitcoin è pari a 21 milioni. Quindi, una volta che la blockchain raggiungerà il numero massimo di Bitcoin “minabili”, non ne verranno generati di nuovi.

L’inflazione è l’aumento dei prezzi. Grazie alle politiche monetarie, le banche centrali sono in grado di modificarla artificialmente, aumentando o diminuendo il denaro immesso nel mercato.

Il Bitcoin, come abbiamo visto, non è “infinito” come l’Euro oppure il Dollaro. È bensì stato progettato appositamente per avere massimo 21 milioni di token, che verranno creati fino al 2140.

Ecco le parole di Satoshi Nakamoto sull’inflazione ed il Bitcoin in un’email del 2008:

Il fatto che vengano prodotti nuovi token significa prima di tutto che l’offerta di moneta aumenta di un importo prestabilito, ma ciò non porta direttamente all’inflazione. Se l’offerta di moneta aumenta allo stesso ritmo del numero di persone che la utilizzano, i prezzi rimangono stabili. Se non aumenta tanto velocemente quanto la domanda, ci sarà deflazione e i primi possessori del Bitcoin vedranno aumentare il suo valore. Le monete devono essere distribuite inizialmente in qualche modo, e un tasso costante sembra la formula migliore.”

Bitcoin Inflazione Monetaria

Bitcoin Inflazione Monetaria

Il Dimezzamento dei Bitcoin

Andiamo al dunque: dimezzando quindi il premio per i miners (originariamente 50 BTC per blocco) il network è in grado di garantire che il Bitcoin, durante la sua distribuzione (ricordiamo: fino al 2140) non soffra l’inflazione.

Secondo il progetto iniziale di Satoshi Nakamoto, il premio in Bitcoin per i miner dovrebbe essere ridotto del 50% ogni 210,000 blocchi aggiunti alla blockchain. In questo momento, il premio rimane fisso a 12.5 BTC.

Il prossimo dimezzamento dovrebbe avvenire nel maggio del 2020, portando quindi il premio a soltanto 6.25 BTC.

Come è possibile vedere nel grafico sopra, l’inflazione annuale del Bitcoin è praticamente del 3.8%. Il prossimo dimezzamento porterà l’inflazione al ribasso dell’1.8%.

Come funziona il dimezzamento del Bitcoin nel tempo?

Il Bitcoin ha compiuto l’anno scorso 10 anni, quindi non ci sono ancora abbastanza statistiche per cercare di capire esattamente quello che potrebbe succedere durante il prossimo dimezzamento.

Tuttavia, se si fa attenzione al prossimo grafico, si noterà che i due precedenti dimezzamenti (nel 2011 e nel 2015) nel premio del Bitcoin per i Miners sono stati il precursore di movimenti rialzisti piuttosto importanti. Non sappiamo se è un caso, ma è sicuramente molto interessante.

Bitcoin Dimezzamenti Precedenti

Bitcoin Dimezzamenti Precedenti

E non finisce qui. Approssimativamente 1 anno prima di ogni dimezzamento, è possibile notare una formazione rialzista. Secondo queste statistiche, a metà 2019 ci potrebbe essere l’inizio per un nuovo ciclo Bullish, in quanto il mercato si sta avvicinando al prossimo dimezzamento del 2020.

Investire sul Bitcoin

Come abbiamo visto, il Bitcoin sembra essere sulla strada giusta per registrare un 2019 ed un 2020 molto positivi. All’inizio del mese, il Bitcoin è già riuscito a superare i massimi del 2019, confermando dunque la grande eccitazione da parte degli esperti, dei fan, ma anche dei detrattori.

Ma qual’è il modo più semplice per entrare in questo mercato e guadagnare concretamente? Prima di tutto bisogna fare trading da una piattaforma che sia autorizzata e regolamentata. Questo è l’unico modo per investire nel Bitcoin sapendo che i propri fondi sono al sicuro. Le piattaforme regolamentate rispettano le normative MiFID, come quella della segregazione dei fondi, anti-riciclaggio di denaro e molte altre severe normative.

Chi desidera dunque investire sul Bitcoin dovrebbe selezionare prima di tutto delle piattaforme autorizzate e regolamentate. Per operare, queste piattaforme devono prima di tutto richiedere un’autorizzazione preventiva presso le autorità di controllo europee come la CONSOB in Italia e la CySEC in Europa. Piattaforme con il sigillo di regolamentazione CySEC sono in grado di offrire lo stesso livello di affidabilità, sicurezza e trasparenza di un broker bancario, ma con costi estremamente inferiori.

Piattaforme specializzate in criptovalute come eToro (clicca qui per visitare la pagina dedicata alle criptovalute), consentono infatti di acquistare e conservare le criptovalute senza commissioni.

La piattaforma di trading eToro è nata nel lontano 2007 (poco prima della nascita del Bitcoin) e negli anni si è imposta come migliore piattaforma di trading per le criptovalute. Questo è stato possibile alle innovazioni che questo broker ha portato in poco più di 10 anni.

Ma quali sono le funzioni più interessanti di eToro? Con eToro non solo è possibile investire al rialzo su praticamente qualsiasi criptovaluta. È inoltre anche possibile investire al ribasso (senza dover aver comprato preventivamente l’asset). Questo è possibile attraverso la tecnica della vendita allo scoperto.

eToro Crypto Wallet

eToro Crypto Wallet

eToro mette anche a disposizione un portafoglio per conservare i Bitcoin e le altre criptovalute sul lungo termine. L’eToro Crypto Wallet è una soluzione semplice, sicura e sopratutto senza commissioni.

Grazie ad un’interfaccia estremamente semplice e pulita e completamente in Italiano, la piattaforma è facile da utilizzare anche da chi non ha molta esperienza e sta muovendo i primi passi sui mercati.

Con eToro non solo è possibile investire “manualmente” su Criptovalute ed altri asset. Questa azienda consente anche di copiare in automatico le mosse dei migliori trader delle criptovalute grazie alla tecnologia denominata Social Trading (clicca qua per saperne di più).

eToro Social Trading Criptovalute

eToro Social Trading Criptovalute

Che cos’è il Social Trading? Grazie a questa tecnologia è possibile trovare i trader più virtuosi di criptovalute e copiare alla perfezione tutte le loro operazioni. Il Copytrading è completamente gratuito. Chi copia, ottiene un rendimento in base alle prestazioni del trader copiato ed il capitale investito su di lui.

In pratica, se copio Mario Rossi con 200o euro e lui guadagna il 10% in un mese, io avrò guadagnato 200 euro in un mese.  Clicca qua per ottenere un conto gratuito con eToro.

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento