News

Bitcoin: Banca Generali potrebbe integrarlo nel 2022

Banca Generali, una delle principali banche italiane, con un AUM di € 73,3 miliardi a partire dal 2020, può integrare i servizi Bitcoin quest’anno. Secondo Riccardo Renna, Chief Operation Officer e Head of Innovation di Banca Generali, l’integrazione sarà completata all’inizio di quest’anno. Ha aggiunto “Da quel momento, i clienti saranno in grado di operare in sicurezza su una classe di attività che altrimenti potrebbe essere rischiosa se affrontata in modo errato”.

Prima di continuare con l’argomento, se hai deciso di investire in criptovalute, dovresti sapere che utilizzando una piattaforma certificata come eToro avrai tanti servizi a disposizione, e soprattutto aprire un conto reale è semplice e ti bastano solo 50$ per iniziare.

Ottieni subito un conto su eToro

Via di Banca Generali a Bitcoin: le criptovalute stanno diventando mainstream?

I servizi Bitcoin saranno integrati sulla banca attraverso una partnership con Conio. Conio è una piattaforma aperta che fornisce un kit di sviluppo software (SDK) insieme ad API per offerte crittografiche. Un rapporto locale di We Wealth menzionava “Una volta completata, l’integrazione della piattaforma Conio all’interno dell’app di mobile banking Banca Generali Private consentirà al cliente di accedere direttamente al trading di Bitcoin utilizzando lo stesso ambiente già utilizzato in relazione ad altre operazioni bancarie”.

Qui vale la pena notare che anche Conio è stato beneficiario degli investimenti di Banca Generali lo scorso anno, come da Crunchbase. In un round di serie B di $ 14 milioni, la banca è stata un investitore principale.

Ora, secondo quanto riferito, il nuovo servizio con la partnership è il primo per i clienti privati ​​della banca. Che la banca vede come “un ulteriore passo verso il completamento dell’hub privato [della banca] con servizi e piattaforme a disposizione dei nostri banchieri e dei loro clienti”.

Inoltre, gli utenti saranno in grado di addebitare o accreditare direttamente sul proprio conto corrente per l’acquisto e la vendita di Bitcoin senza fare affidamento su carte di pagamento o fornitori di terze parti, ha aggiunto il rapporto locale. È interessante notare che la banca ha una base clienti stimata di oltre 300.000 utenti che saranno in grado di acquistare e vendere bitcoin.

Renna ha anche detto :“Abbiamo lavorato con Conio per una soluzione di custodia innovativa basata su un sistema multi-firma che garantisca la custodia dei Bitcoin e la possibilità di recuperare il portafoglio in alcuni casi, come quello di una successione”.

Le banche seguono la strada delle criptovalute

Nel frattempo, anche altre banche hanno intrapreso un percorso simile per integrare le loro criptovalute e altre offerte bancarie. Qualche tempo fa, la Commonwealth Bank (CBA) australiana aveva annunciato partnership strategiche per diventare il primo istituto bancario del paese a consentire il commercio di criptovalute.

Con ciò, ci sono state segnalazioni in Germania secondo cui le sue banche di risparmio da trilioni di euro potrebbero presto offrire un portafoglio per scambiare criptovalute.

Considerazioni finali

Riccardo renna, inoltre ha aggiunto che Generali conserva la terza chiave di sicurezza per conto del cliente, permettendogli di recuperarla se necessario. Tuttavia, il rapporto non ha chiarito se la banca avrebbe consentito ai clienti di trasferire le proprie partecipazioni su portafogli esterni. Vedremo ciò che accadrà in quest’anno appena iniziato.

Se pensi di voler investire in criptovalute, fallo solo su piattaforme sicure e legali, come eToro.

Puoi iniziare a investire sulle cripto partendo da soli 50$. Inoltre dispone di un conto demo per provare la piattaforma con denaro virtuale e presenta la funzione di CopyTrading per copiare gli investitori esperti più adatti a te.

Ottieni subito un conto su eToro

 

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Giulia Mariotti

Lascia un Commento