News

Binance bandito dall’autorità di vigilanza finanziaria britannica FCA

Binance, il più grande exchange di criptovalute al mondo, è stato bandito dal regolatore finanziario del Regno Unito.

La Financial Conduct Authority (FCA) ha stabilito che l’azienda non può svolgere alcuna “attività regolamentata” nel Regno Unito.

Ha anche emesso un avviso ai consumatori su Binance.com, consigliando alle persone di diffidare delle pubblicità che promettono alti ritorni sugli investimenti in criptovalute.

Binance ha affermato che l’avviso di FCA non avrebbe alcun “impatto diretto” sui servizi che fornisce dal suo sito Web Binance.com.

L’exchange di criptovalute di Binance non ha sede nel Regno Unito, quindi, nonostante la sentenza FCA, non ci sarà alcun impatto sui residenti nel Regno Unito che utilizzano il sito Web per acquistare e vendere criptovalute.

La FCA non regola le criptovalute, ma richiede agli exchange di registrarsi con esse. Binance non si è registrato presso la FCA e quindi non è autorizzato a gestire uno scambio nel Regno Unito.

La mossa di FCA arriva in mezzo al respingimento dei regolatori di tutto il mondo contro le piattaforme di criptovaluta.

Binance.com è uno scambio centralizzato online che offre agli utenti una gamma di prodotti e servizi finanziari, tra cui l’acquisto e il trading di un’ampia gamma di valute digitali, nonché portafogli digitali, futures, titoli, conti di risparmio e persino prestiti.

Binance Group ha attualmente sede nelle Isole Cayman, mentre Binance Markets Limited è una società affiliata con sede a Londra. L’azienda ha più entità sparse in tutto il mondo e Binance Group aveva precedentemente sede a Malta.

La FCA ha affermato che Binance Markets Limited (BML), che è di proprietà di Binance Group, non è attualmente autorizzata a intraprendere attività regolamentate senza il previo consenso scritto della FCA. C’è tempo fino a mercoledì per conformarsi alla sentenza.

Il regolatore ha inoltre sottolineato che nessuna entità del Gruppo Binance detiene alcuna forma di autorizzazione, registrazione o licenza per condurre attività regolamentate nel Regno Unito.

Perché Binance è stato bandito?

A prima vista, la decisione della Financial Conduct Authority di vietare a Binance di operare nel Regno Unito avrà un impatto minimo. Dopotutto, non impedirà ai molti clienti britannici dell’azienda di utilizzare il suo exchange con sede nelle Isole Cayman per acquistare e vendere Bitcoin e altre criptovalute.

Tuttavia, la FCA sta inviando un forte segnale di preoccupazione per i pericoli di investire in criptovalute in generale.

Il motivo per cui vuole che tutti si registrino è perché è preoccupato per il loro potenziale uso come copertura per attività illecite e vuole che i consumatori stiano davvero molto attenti.

Oltre a vietare a Binance di creare un servizio di exchange nel Regno Unito, il regolatore sta ordinando alla sua divisione britannica di interrompere qualsiasi forma di pubblicità in UK entro il 30 giugno. Più significativamente, ha tempo fino alla fine di questa settimana per mostrare alla FCA di aver archiviato i registri di tutti i suoi clienti del Regno Unito, pronti per essere consegnati se necessario.

E c’è un messaggio per i consumatori del Regno Unito di verificare se qualche società di criptovalute è registrata presso il regolatore e, in caso contrario, di considerare di ritirare i propri beni.

La FCA non può impedire alle persone di commerciare in criptovalute, ma ha tirato fuori la sua più grande bandiera rossa e la sta sventolando vigorosamente.

Non è la prima volta che Binance si trova nell’occhio del ciclone

Questa non è la prima volta che Binance viene esaminato dai regolatori sulle sue operazioni globali.

Secondo Bloomberg, negli Stati Uniti, una delle entità dell’azienda – Binance Holdings – è stata oggetto di un’indagine da parte della Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense, in particolare dai suoi funzionari che si occupano di riciclaggio di denaro e reati fiscali.

La SEC ha emesso un avvertimento simile ai consumatori statunitensi ad aprile sulla piattaforma.

Sabato, Binance ha annunciato che si sarebbe ritirato dall’Ontario, in Canada, dopo che la Ontario Securities Commission (OSC) l’ha accusata e diverse altre piattaforme di trading di criptovalute di non aver rispettato le normative provinciali.

E venerdì, la Financial Services Agency (FSA) giapponese ha avvertito Binance per la seconda volta in tre anni che sta operando nel paese senza permesso.

Investire sulle criptovalute in sicurezza con una piattaforma regolamentata

Attraverso le piattaforme d’investimento CFD è possibile sia investire al rialzo che al ribasso su Bitcoin e le altre principali altcoin.

Comprare le criptovalute attraverso una piattaforma che sia sicura ed affidabile, è senza dubbio il modo migliore in assoluto per ottenere profitti concreti, senza rischi. Noi di Criptovalute 24 sappiamo molto bene che i metodi truffaldini come Bitcoin Evolution e Bitcoin Code promettevano guadagni facili grazie ad algoritmi “prodigiosi”. Come era prevedibile, si sono rivelati dei sistemi truffaldini, che hanno portato sul lastrico gli investitori. Fortunatamente, esistono anche soluzioni sicure, regolamentate in europa.

Grazie alla piattaforma di etoro per esempio, è possibile investire su questa criptomoneta con spread bassi e fissi, senza commissioni e con la certezza di depositare i propri fondi su di una società autorizzata CONSOB, regolamentata CySEC (n. di regolamentazione CySEC 109/10) e che oggi vanta oltre 10 milioni di utenti in tutto il mondo.

I vantaggi di eToro sono tanti. Con eToro è possibile guadagnare inoltre in ogni scenario di mercato: sia quando il prezzo del Bitcoin si muove verso l’alto (comprando) che quando scende (vendendo allo scoperto). Clicca qua per ottenere un conto gratuito su eToro.

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Andrea Lagni

Giornalista pubblicista dal 2016. Laureato in Informatica. Appassionato di Criptovalute dal 2015.

Lascia un Commento