News

App Mining Bitcoin Fake: Nuove Truffe Rimosse da Google

Il settore delle criptovalute, visto il suo colossale sviluppo, vede ad oggi la presenza di centinaia di progetti, in ogni caso accomunati dal mondo crypto. Fra gli stessi, sarebbero ultimamente state scoperte delle vere e proprie App Mining Bitcoin fake, ossia applicazioni legate ad un potenziale sistema di generazione di criptovalute.

Nonostante ad oggi esistano centinaia di progetti e programmi incentrati sul mondo delle criptovalute, solamente una piccola percentuale può effettivamente considerarsi seria ed affidabile. All’interno della stessa nicchia di servizi, troviamo anche le applicazioni, ossia specifici applicativi scaricabili sui propri device mobili.

All’interno del nostro approfondimento scopriremo nel dettaglio la notizia, ricordando il funzionamento fotocopia di queste applicazioni, così da visionare nel dettaglio le caratteristiche più importanti, in modo da riuscire a riconoscerle.

Prima di cominciare, ricordiamo come ad oggi il sistema di Mining non sia l’unica metodologia disponibile sul mercato per poter trattare su assets crypto. Le stesse criptovalute, ovviamente le più note, risultano infatti presenti all’interno di broker ed operatori professionali, come ad esempio eToro.

Rappresenta un intermediario professionale, con numerosi servizi accessori e diverse funzionalità uniche nel loro genere, come ad esempio il Copy Trading per copiare reali professionisti del settore.

App Mining Bitcoin Fake: Ecco come funzionano

L’eliminazione recente delle App Mining Bitcoin Fake da Google Play, che ricordiamo essere lo store di riferimento del servizio Google, hanno rappresentato una delle notizie più seguite delle ultime ore. Google Store è per l’appunto il negozio digitale utilizzato dagli utenti Android per poter scaricare applicazioni di ogni genere, categoria e tipologia.

Esaminando attentamente il settore, il funzionamento delle App Mining Bitcoin fake mostrate fino ad oggi sul mercato sembrerebbe mostrare sempre le stesse caratteristiche. Alla base di tutto troviamo la tipica proposta sulla possibilità di poter effettuare Mining di Bitcoin (o di molte altre criptovalute), semplicemente grazie al proprio smartphone.

A tal proposito, prima di continuare, teniamo a ricordare come lo stesso meccanismo di Mining richieda calcoli colossali, i quali possono essere processati in numeri elevati solamente da dispositivi informatici da migliaia di dollari e con una potenza di elaborazione ai massimi livelli. Prestazioni che non possono di certo essere paragonate a quelle di un device mobile.

Tornando alle applicazioni fake, la proposta riguarderebbe quasi sempre il cosiddetto servizio di cloud Mining. Di cosa si tratta esattamente? Molto semplicemente, l’utente paga una determinata quota per affittare reali macchinari, i quali a loro volta partecipano alla creazione di nuove criptovalute, come ad esempio Bitcoin.

A questo punto, l’utente che incappa in un’applicazione truffaldina, si vedrebbe bombardato da messaggi pubblicitari o da abbonamenti specifici per poter continuare ad usufruire del fantomatico sistema di cloud Mining. Effettuando semplici ricerche online, è ad oggi effettivamente possibile individuare sugli store centinaia di applicazioni legate alla parola “cloud Mining” o “Mining Bitcoin”.

Aspetto, questo, che dimostra come lo stesso processo richiami ancora una notevole attenzione nel mercato, nonostante la presenza di molti applicativi truffaldini, che non possono di certo essere paragonati a programmi e piattaforme professionali nel settore delle criptovalute.

Conclusioni

Ricollegandoci a quanto esposto in precedenza, al di là del sistema di Mining, il comparto delle criptovalute, che comprende Bitcoin, Ethereum, Ripple e decine di altri assets crittografici, risulta associabile al settore delle negoziazioni online tramite CFD.

In questo caso, è possibile ricordare la presenza di broker specifici, i quali permettono di operare in modo completamente differente rispetto agli acquisti tramite exchange. In questo caso, ossia tramite strumenti derivati, il trader non acquista alcuna moneta digitale, non necessitando di alcun Wallet di archiviazione.

Tutto ciò grazie alla natura stessa dei contatti per differenza, basati su repliche degli andamenti dell’asset sottostante. Da ciò deriva la duplice possibilità, ossia nel poter aprire due tipologie di posizioni, una al rialzo ed una al ribasso (tramite vendita allo scoperto).

Uno dei broker più completi, a mettere a disposizione contratti per differenza su criptovalute, è eToro. Vanta anni di esperienza nel settore del trading online su criptovalute, integrando diversi servizi di supporto, sia per traders professionisti che per negoziatori alle prime armi.

A seguire alcuni punti:

  • Copy Trading: si tratta di un meccanismo di copia automatico, incentrato sulla possibilità di copiare le transazioni di reali professionisti del settore, in modo speculare e senza ulteriori costi;
  • Applicazione per dispositivi mobili, anche in questo caso a costo zero;
  • Assistenza professionale e qualificata a tutte le ore;
  • Account demo, ossia un conto simulato a tutti gli effetti, che permette di attuare proprie strategie con capitali non reali, aggiunti dal broker.

Clicca qui per ottenere un conto gratuito con eToro

Il nostro punteggio
Clicca per dare un punteggio!
[Totale: 0 Media: 0]

Sull'autore

Francesco

Lascia un Commento