News

800 criptovalute sono morte

Puoi chiamarla morte delle criptovalute, se vuoi, o forse solo il lento rientro di una grande cripto-bolla. Nella recente carneficina di criptovalute, dove il bitcoin, token più popolare, ha perso circa il 70%, circa 800 criptovalute hanno toccato il fondo, cioè adesso valgono meno di un centesimo, secondo la CNBC.

Mentre le nuove offerte iniziali di monete (ICO) continuano a colpire il mercato delle criptovalute, non tutte hanno avuto successo. In effetti, un buon numero di loro è finito come truffe e molti non hanno prodotto alcuna offerta tangibile in termini di prodotto o servizio promesso. DeadCoins.com, un sito che tiene traccia delle truffe dell’uscita di ICO, monete estinte e monete quasi estinte, ha identificato circa 800 monete simili che possono essere considerate “morte”, definite come quelle il cui valore è sceso sotto un solo centesimo.

Il bitcoin, la criptovaluta più popolare al mondo, ha perso molto negli ultimi tempi e le sue prestazioni sono state paragonate al forte calo osservato nell’indice Nasdaq 100 nell’anno 2000. La banca d’investimento Morgan Stanley afferma che il declino del bitcoin era 15 volte più veloce del rispetto alla caduta dei prezzi azionari allo scoppio della bolla delle Dot Com nel 2000. Il comportamento delle altre criptovalute viene visto come l’effetto a catena su tutto il mercato, simile a quello che ha portato alla caduta di un enorme numero di aziende tecnologiche e basate su Internet durante l’esplosione della bolla dei titoli tecnologici.

Sviluppi sfavorevoli che portano il declino

Diversi sviluppi recenti sono stati attribuiti al calo delle valutazioni di criptovaluta.

Il mese scorso, due importanti exchange di criptovalute sud coreani sono stati violati, con milioni di token criptati rubati. La visione confusa delle normative sulla criptovaluta e le questioni fiscali hanno anche mantenuto la pressione sull’adozione di massa delle criptovalute.

Nonostante l’aumento del numero di ICO e un aumento significativo della quantità di capitale raccolto tramite ICO, le valutazioni hanno registrato una forte discesa sul mercato. CNBC cita un rapporto di CoinSchedule che afferma che le aziende hanno assicurato un finanziamento di 3,8 miliardi di dollari tramite ICO nel 2017, e il numero è già aumentato a circa $ 11,9 miliardi quest’anno.

Tuttavia, nonostante molte monete morte, l’ottimismo continua a persistere anche in tempi difficili. I fautori delle criptovalute credono che le normative finiranno per diventare più chiare in futuro e aiuteranno a stimolare la partecipazione del mercato.

Mentre le criptovalute devono ancora essere adottate come modalità di pagamento tradizionale, i progressi tecnologici e gli aggiornamenti continuano a migliorare la loro utilità. Gli appassionati di criptovaluta desiderosi di fare investimenti dovrebbero tenere d’occhio ciò che stanno comprando e dovrebbero assicurarsi di capire davvero cosa c’è in offerta negli ICO prima di saltare con i loro sudati soldi.

Come investire in criptovalute senza (brutte) sorprese

Il fatto che ben 800 criptovalute siano praticamente morte dimostra chiaramente che conviene sempre investire sulle principali criptovalute: Bitcoin, Ripple, Ethereum, Litecoin, EOS e poche altre.

Non stiamo consigliando di comprare queste criptovalute: per investire in criptovalute intendiamo qualunque operazione speculativa, sia al rialzo che al ribasso.

Le migliori piattaforme per investire sulle criptovalute, infatti, consentono di comprare o vendere allo scoperto, in modo da ottenere un beneficio sia in caso di aumento delle quotazioni che di discesa.

Tra le migliori in assoluto ci sentiamo di consigliare eToro (clicca qui per il sito ufficiale) e 24option (clicca qui per il sito ufficiale).

Quali sono i vantaggi di queste piattaforme? Nel caso di eToro, la possibilità di fare social trading, cioè copiare automaticamente le posizioni di altri trader. Ovviamente conviene copiare i trader migliori in assoluto, la piattaforma è molto semplice da usare ed è semplice individuare chi ha guadagnato di più in passato.

Nel caso di 24option, è molto apprezzato un pacchetto formativo gratuito completo e la possibilità di farsi seguire al telefono da un vero esperto di criptovalute.

Sull'autore

Fabrizio Micheli

Laureato in Economia e Commercio all'Università di Bari nel 2003, appassionato di finanza, di politica e di economia.

Lascia un Commento