News

2 giorni dopo il massimo dei 5000, Bitcoin crolla sotto i 4300

Il prezzo del Bitcoin è crollato al di sotto del prezzo dei 4500 durante la giornata di lunedì, e successivamente sceso sotto il livello dei 4300 durante la sessione di martedì.

Soltanto due giorni dopo l’epico massimo toccato durante il 2 settembre, il prezzo del Bitcoin è crollato nuovamente al di sotto del livello dei 4400 ieri, e 4300 oggi.

Si tratta del sell off più grande dal 15 luglio, un sell off che è arrivato subito immediatamente dopo il massimo registrato a 5013 durante la sessione di sabato.

Al momento della scrittura dell’articolo, il prezzo si trova a 4367 dollari USA. Il movimento ribassista ha coinvolto in larga scala molte altre criptovalute. Ethereum è crollato di circa il 15%, mentre Monero ha perso il 12%.

Dando uno sguardo alla capitalizzazione di mercato totale, che aveva raggiunto un livello massimo di 180 miliardi di dollari, adesso la capitalizzazione è crollata di circa 30 miliardi di dollari, intorno al livello di 150 miliardi di dollari.

Si tratta di una correzione naturale

Possiamo affermare che correzioni di questo tipo in questo mercato finanziario sono praticamente normali, in quanto il mercato è estremamente normale.

L’importante è infatti ricordarsi che si tratta soltanto di un calo di solo il 12%. Soltanto solo un mese e mezzo fa il Bitcoin ha perso il 40% arrivando a toccare il livello dei 1800 dollari, mentre adesso il mercato in questione è riuscito semplicemente a recuperare e ad arrivare ad livello di 5000, per poi crollare leggermente negli ultimi giorni.

Si tratta quindi a tutti gli effetti di una semplice correzione. Ad oggi vengono investiti moltissimi soldi all’interno dei business di Bitcoin.

Se in passato gran parte delle banche avevano affermato che le criptovalute erano semplicemente degli schema ponzi, adesso molte di queste banche stanno supporteranno la tecnologia blockchain.

Gran parte delle nazioni stanno inoltre iniziando a regolamentare le criptovalute. Moltissime aziende stanno preferendo le ICO anziché le IPO. Siamo nella rivoluzione delle criptovalute, l’uptrend è ancora intatto e potremo vedere livelli ben più alti di quelli attuali.

Sull'autore

Rosa Cioni

Laureata in Economia e Commercio. Mi occupo di articoli di news sul trading online, finanza ed economia.

Lascia un Commento